Si fa presto a dire pompa di calore, ma in pochi sanno che ne esistono di diversi tipi. Infatti, una pompa di calore può funzionare con un sistema inverter oppure on off. È bene analizzare bene le due soluzioni per trovare quella che meglio risponde alle proprie esigenze.

Inverter

Per iniziare, una pompa di calore a Roma con tecnologia inverter utilizza un compressore modulante. Si tratta di un componente in grado di accelerare e rallentare le sue funzioni grazie a un variatore di potenza. Questo permette di adattarsi alle richieste di calore che serve tra le mura domestiche. Inoltre, il sisteam si modula in base alle condizioni esterne visto che è da lì che preleva il calore per scaldare gli interni di casa.

On- off

Quando invece la pompa di calore a Roma funziona con un sistema on off, significa che va sempre alla massima potenza. Nel momento in cui c’è richiesta di calore, allora il sistema si accende e si avvia per produrre l’aria calda che serve. Si spegne nel momento in cui la richiesta è stata soddisfatta. In realtà, in condizionatore on off per la climatizzazione estiva, i cosiddetti split, non sono più distribuiti perché non a norma. Ma non vale lo stesso discorso per le pompe di calore.

Quale è meglio

Dopo aver capito brevemente come funzionano i due sistemi, molti si chiedono allora quale sia il sistema migliore. Un sistema on – off, a differenza di quello che potrebbe sembrare, è quello più performante che consente di avere i migliori risultati. Hanno una buona efficienza energetica. Non vale quindi la pena precedere una pompa di calore di tipo inverter perché le migliori sul mercato sembrano esser quelle on-off che ottengono sempre le migliori certificazioni dagli enti che si occupano di valutare le prestazioni. Un sistema con tecnologia inverter convien solo nelle zone dove il clima è mite, come le zone costiere del sud. Negli altri casi, conviene di gran lunga un on –off classico che consuma meno nel coso del tempo e ha una efficienza migliore.

Di Editore